Ghiaccio sintetico

Esistono attualmente diversi tipi di pavimentazioni sintetiche come alternativa al ghiaccio artificiale. Ma ce n’è solo uno che possiede la scorrevolezza ottimale e le migliori proprietà frenanti, il tutto senza l’ausilio di liquidi di scivolamento.

Il materiale della pavimentazione sintetica ICE-FREE® è costituito dal più pregiato polietilene, manipolato da un punto di vista fisico e chimico e da diversi additivi sviluppati dall’azienda stessa.

Solo grazie a un procedimento produttivo, appositamente sviluppato, le proprietà di ICE-FREE® riescono ad avvicinarsi così tanto a quelle del ghiaccio naturale!

Solo i pannelli sintetici ICE-FREE ®, come unici sistemi a ghiaccio artificiale, dispongono di un sistema di assemblaggio brevettato, chiamato QUICK-CONNECT. Un sistema di assemblaggio che non necessita di alcun elemento di connessione aggiuntivo.

ICE-FREE® può essere utilizzato sia outdoor, sia indoor. Per un uso outdoor vengono aggiunti insieme al materiale sintetico degli additivi, che provvedono a un’ulteriore protezione dai raggi UV.

Il nome del prodotto ICE-FREE® rende bene l’idea di essere simile al ghiaccio naturale, tuttavia esso è costituito da materiale sintetico. In questo modo è possibile pattinare sul ghiaccio tutto l’anno, indipendentemente dalle temperature, senza ghiaccio, senza raffreddamento e senza l’ausilio di liquidi di scivolamento.

VANTAGGI DEL GHIACCIO SINTETICO

  • Si pattina come su ghiaccio
  • Nessun liquido di scivolamento necessario
  • Costi zero di energia elettrica
  • Costi zero per il consumo dell’acqua
  • utilizzabile tutto l’anno
  • spese di manutenzione molto basse
  • montaggio temporaneo o permanente
  • ecologico e non inquinante
  • normale atteggiamento di pattinaggio (sia in fase di scivolamento che di frenata)
  • Installazione veloce e semplice
  • Lunga durata
  • Rapporto qualità –prezzo ottimale
  • 1980

    Primi tentativi con i pannelli sintetici per il pattinaggio sul ghiaccio

  • 2004

    Ingresso di CONTERION nel mercato del ghiaccio artificiale sintetico

  • 2005

    I primi pannelli di ghiaccio artificiale vengono introdotti nel mercato con il nome di SUPER-ICE

  • 2008

    Un nuovo liquido di scorrimento viene introdotto nel mercato con il nome di SPEED-GLIDING

  • 2009

    Ingresso nel mercato del primo pannello di ghiaccio sintetico che non necessita di alcun liquido di scorrimento.

  • 2011

    Il pannello di ghiaccio artificiale LIKE-ICE, ulteriormente sviluppato, viene lanciato sul mercato.

  • 2012

    Una versione ottimizzata dei pannelli SUPER-ICE-viene lanciata sul mercato.

  • 2013

    Il nuovo prodotto top ICE-FREE (QC) viene promosso e si dà la possibilità di prenderlo in affitto.

Proprietà del materiale

Solo il meglio

Il materiale dell’ICE-FREE® è costituito dal più pregiato polietilene, manipolato da un punto di vista fisico e chimico e da diversi additivi.

Solo grazie a un procedimento produttivo, appositamente sviluppato, le proprietà di ICE-FREE® riescono ad avvicinarsi così tanto a quelle del ghiaccio naturale!

Usura dei pannelli

Un elevato uso dei pannelli (almeno 6 h al giorno) può comportare una leggera usura. Considerando il suo peso complessivo, la durata del prodotto, dal punto di vista teorico, è di ca. 20 anni.

Durata

La durata del prodotto dipende sostanzialmente da due fattori: le sollecitazioni e i raggi UV. Sia il gelo che le radiazioni solari non danneggiano il materiale, come confermato da un test eseguito a temperature comprese tra -65° fino a +75°.

Collocando i pannelli all’esterno e ipotizzando un’esposizione duratura ai raggi UV, si può considerare una durata di utilizzo realistica di ca. 7 anni. Utilizzando i pannelli internamente, la loro durata è di 15 anni. (Se qualcuno vi riferisce una durata diversa, l’informazione deve essere valutata con un certo scetticismo. Nessun materiale sintetico dura in eterno.)

Proprietà del materiale durante l’uso

Con pattini per ghiaccio
Possono essere utilizzati dei comuni pattini per ghiaccio. I pattini per ghiaccio non necessitano di una lama particolare, tuttavia devono essere ben affilati. Ricordarsi di affilarli più spesso a causa di un attrito più elevato rispetto al ghiaccio naturale. Dopo 10 minuti di pattinaggio il pattino raggiunge la temperatura di esercizio giusta.

Il pattinaggio
Sia la sensazione di scivolamento che la frenata avvengono come su ghiaccio vero: nessuna postura inusuale e sollecitazione della stessa muscolatura.

Non sottovalutare la pulizia
La superficie di ghiaccio artificiale dovrebbe essere pulita giornalmente con una lavasciuga. In caso di sporco eccessivo e/o di sporco su superfici molto estese, si consiglia l’uso di una lavasciuga grande.

Pioggia, neve e ghiaccio
L’umidità non modifica affatto la sensazione di scivolamento. La neve e gli strati di ghiaccio possono essere eliminati semplicemente tramite grattamento, senza danneggiare la pavimentazione. L’utilizzo del sale può essere anche una soluzione, tuttavia l’acqua salata deve essere rimossa molto bene, altrimenti le lame dei pattini possono arrugginire.

Assemblaggio

IL MIGLIOR ASSEMBLAGGIO

Il sistema di assemblaggio QUICK-CONNECT è in vendita con i pannelli sintetici ICE-FREE®. Nel caso dell’assemblaggio QUICK-CONNECT si parla di un puzzle tridimensionale, che impedisce lo spostamento orizzontale e verticale dei pannelli.

In questo modo, per la prima volta, i pannelli sintetici vengono uniti in modo semplice senza alcun elemento di connessione aggiuntivo (come ad esempio viti o bulloni).

Il sistema di assemblaggio QUICK-CONNECT è quindi particolarmente adatto per l’organizzazione di eventi ma anche per superfici permanenti.

Proprietà del sottostrato

La superficie sulla quale vengono posati i pannelli sintetici in ghiaccio artificiale deve essere di per sé piana, presentando una pendenza di massimo 1,5 %. Grazie alla nostra lunga esperienza abbiamo trovato per ciascuna situazione una soluzione ottimale. In accordo con i nostri committenti, realizziamo il sottostrato specifico necessario.

I pattini

Si possono utilizzare dei comuni pattini per ghiaccio. Questi non necessitano di una lama particolare, tuttavia devono essere ben affilati. Ricordarsi di affilarli più spesso a causa di un attrito più elevato rispetto al ghiaccio naturale. Dopo 10 minuti di pattinaggio il pattino raggiunge la temperatura di esercizio giusta.

.

100%

Pattinare con pattini ben affilati

.

40%

Pattinare con pattini mal affilati

.

10%

Pattinare con pattini non affilati

Manutenzione

SOLO UNA SUPERFICIE BEN MANUTENTATA GARANTISCE IL CORRETTO SCIVOLAMENTO

Tutti sanno che una superficie artificiale (prodotta con acqua) non può funzionare se sporcata con della sabbia. Allo stesso modo il ghiaccio sintetico difficilmente può funzionare se viene sporcato. La manutenzione dei pannelli di ghiaccio sintetici è, pertanto, di notevole importanza per il corretto scivolamento della superficie.

Solo su pannelli artificiali puliti e ben detersi è possibile pattinare.

Per questo motivo i pannelli sintetici in ghiaccio artificiale devono essere puliti regolarmente con una lavasciuga (p.es. quella dell’azienda KENTER).

Per ottenere migliori risultati di pulizia, CONTERION ha sviluppato un nuovo detergente per i pannelli sintetici in ghiaccio artificiale. Questo viene venduto con il nome di SYNT-CLEAN. SYNT-CLEAN viene aggiunto nel contenitore dell’acqua di una lavasciuga.

Con SYNT-CLEAN si ottiene la manutenzione ottimale dei pannelli in ghiaccio artificiale!

MACCHINA PER LA PULIZIA
Si ottengono risultati di pulizia ottimali solo con l’impiego di macchine per la pulizia professionali della Kärcher. Consigliamo per la pulizia delle macchine lavasciuga compatte. Tuttavia vi consigliamo solo macchine con una spazzola a cilindro. Saremo lieti di fornirvi la consulenza necessaria sulle macchine adatte alle diverse tipologie di “pannelli in ghiaccio”.

Scarica LE ISTRUZIONI DI PULIZIA (PDF)

Kärcher Scheuer-Saug-Maschine

Confronti

GHIACCIO ARTIFICIALE VS. GHIACCIO SINTETICO

È possibile paragonare il ghiaccio artificiale con il ghiaccio sintetico?

Qualche anno fa il paragone tra i due tipi di ghiaccio sarebbe sembrato insensato, poiché la differenza nelle proprietà di scivolamento e nel comportamento di frenata era davvero notevole. Con la nuova generazione delle pavimentazioni sintetiche in ghiaccio artificiale della CONTERION è necessario mettere a confronto entrambe. La qualità dei prodotti ice-free si è notevolmente avvicinata a quella del ghiaccio artificiale.

Inoltre il ghiaccio artificiale presenta ottime proprietà di scivolamento solo nei primi minuti dopo la preparazione, tuttavia queste subiscono un peggioramento con l’aumento dell’utilizzo (rigature e buchi). Sia la temperatura del ghiaccio, sia la temperatura ambientale hanno un importante influsso sul ghiaccio artificiale. Solo se entrambi sono ottimali, anche le proprietà di scivolamento su ghiaccio artificiale lo saranno.

Situazione molto diversa, invece, per il ghiaccio sintetico artificiale. Né la temperatura del materiale, né quella ambientale influiscono sulle proprietà di scivolamento o sul comportamento di frenata: in entrambi i casi essi si rivelano ugualmente buoni. Il ghiaccio artificiale ICE-FREE® può essere utilizzato a partire da una temperatura di -50 fino ad arrivare a +75 gradi.

ICE-FREE® SIGNIFICA PROPRIETÀ DI SCIVOLAMENTO OTTIMALI

Le proprietà di scivolamento di ICE-FREE® corrispondono all’incirca all’87% di quelle del ghiaccio utilizzato in una pista di pattinaggio.

Se si paragonano i valori di usura di ICE-FREE® a quelli del ghiaccio di ultima generazione, i primi si rivelano migliori rispetto a quelli del ghiaccio. Come lo sappiamo? Test di precisione, eseguiti con strumenti di misura e veicoli hanno rilevato incredibili proprietà di scivolamento.

Senza aggiunta di liquido di scivolamento

65%

Con l’aggiunta di liquido di scivolamento

75%

ICE-FREE Classic della CONTERION

80%

ICE-FREE QuickConnect della CONTERION

90%

Nuovo ghiaccio artificiale (tramite consumo di acqua ed energia)

100%

Ghiaccio artificiale dopo ca. 1 ora dall’utilizzo

90%

FAQ – Domande frequenti

Come funziona il ghiaccio sintetico?

Nel pattinaggio sul ghiaccio si pattina fondamentalmente sull’acqua. Il peso del pattinatore permette di modificare lo stato di aggregazione del materiale da solido (ghiaccio) a liquido (acqua), grazie alla pressione dei pattini sulle lame. Il film di acqua costituito rende possibile il pattinaggio sul ghiaccio. Nel caso del materiale sintetico tutto ciò, ovviamente, non è possibile. In questo caso nemmeno la persona più pesante sarebbe in grado di cambiare lo stato di aggregazione del materiale. È proprio questo il motivo per cui le varie generazioni di ghiaccio sintetico finora esistenti hanno avuto l’idea di applicare un liquido di scivolamento aggiuntivo. In un primo momento sembrava tutto ovvio. Se non si riesce a modificare lo stato di aggregazione da solido a liquido, vi si applica qualcosa di liquido. Come in tutti i campi, l’uomo riesce a imparare molto quando analizza la natura delle cose in modo preciso. I risultati del nostro studio svolto internamente all’azienda sono stati la base per la comprensione del processo di scivolamento e della realizzazione fisica e chimica dei “prodotti in ghiaccio sintetici” della CONTERION.

Il risultato di questo sforzo è ICE-FREE, un pavimento sintetico, totalmente privo di liquidi di scivolamento aggiuntivi, ma che presenta proprietà di scivolamento migliori rispetto ai pavimenti sintetici dotati di un liquido di questo tipo. I pannelli di ghiaccio ICE-FREE funzionano completamente senza l’ausilio di liquido di scivolamento, tramite il raggiungimento di un processo di scivolamento sul materiale sintetico, considerato finora quasi impossibile. Con i nostri pannelli sintetici non ci si muove a singhiozzo, né a scatti; si pattina, invece, come si farebbe sul ghiaccio.

Qual è la percentuale di usura?

Il concetto di usura è stato progettato in maniera addirittura intenzionale, altrimenti non sarebbe stato possibile frenare. (In precedenza avevamo pannelli estremamente resistenti all’usura, tuttavia era possibile frenare solo in curve molto strette.) I pannelli vengono sottoposti a una pressione estrema, condensando così notevolmente il materiale di partenza. Ci si può immaginare l’usura sviluppatasi come un cubetto di zucchero che si trasforma in zucchero filato. Lo zucchero aumenta enormemente il suo volume, benché poco prima fosse costituito da pochi grammi. In termini concreti: con un utilizzo intensivo (almeno 6 h al giorno) si calcolano ca. tre quarti di 10l di usura, corrispondenti a ca. 1,7 kg di peso. Il pavimento ha uno spessore di 19 mm sul pannello di tipo standard e ha un peso di ca. 8 t. su una superficie di 450m².

Si evince quindi che con la quantità di usura indicata e con un livellamento teorico di un terzo, il pavimento durerebbe 1706 mesi=> 142 anni, in caso di utilizzo estremo giornaliero. Approssimativamente si può dire ca. 10 anni per 1 mm.

Quali forme sono possibili?

I pannelli si lavorano molto bene con delle comuni macchine adatte alla lavorazione del legno, come seghe circolari, foretti o fresatrici verticali. Per questo motivo i pannelli possono essere installati anche con forme strane. Il formato base dei pannelli di solito è quadrato (ICE-FREE) o rettangolare (SUPER-ICE).

Il montaggio deve essere eseguito da un’azienda specializzata?

I sistemi di assemblaggio dei pannelli sintetici sono così semplici da essere posati da qualsiasi persona mediamente portata per i lavori artigianali. Anche i nostri sistemi a barriere mobili sono molto semplici da montare.

Quali sono i tempi di consegna?

In base alle dimensioni della superficie e al luogo di consegna, riusciamo a consegnare la merce entro 4 – 6 settimane.

Quale formato hanno i pannelli e quanto sono spessi?

Il pannello ICE-FREE è grande 1000 x 1000 mm (dimensioni esterne). L’effettiva superficie calpestabile viene leggermente ridotta dal sistema di assemblaggio. I pannelli ICE-FREE-Classic sono grandi 1000 x 2000 mm.

Possiamo consegnare anche pannelli con uno spessore tra i 15 mm e i 30 mm. Lo spessore dei pannelli dipende dalla grandezza della superficie; più grande è la superficie, più spesso è lo strato.

Se si vuole rivestire ad esempio una superficie lunga 20 m con 15 mm, poiché in questo modo la pavimentazione risulterebbe più conveniente, può accadere che questa, espandendosi a causa della temperatura, si sganci dal suo sistema di assemblaggio.

Come vengono assemblati i pannelli?

I pannelli ICE-FREE vengono consegnati esclusivamente con il sistema di assemblaggio QUICK-CONNECT. Con il sistema di assemblaggio tridimensionale i pannelli si bloccano reciprocamente. Inoltre essi vengono installati molto velocemente perché non è necessario l’ausilio di altri elementi di connessione, come ad esempio viti e/o bulloni.

I convenienti pannelli ICE-FREE-Classic vengono assemblati in modo duraturo con una connessione maschio-femmina.

Il ghiaccio artificiale sintetico può essere disposto su un prato?

No. Anche se spesso si pensa il contrario. Il ghiaccio artificiale sintetico necessita sempre di un sottostrato duro e piano. In base alla lunghezza della superficie sintetica in ghiaccio artificiale, possiamo offrire diversi tipi di costruzioni per il sottostrato. Dai più semplici ai più professionali.

Occorrono dei pattini speciali per il ghiaccio artificiale sintetico?

No. È possibile utilizzare dei comuni pattini tradizionali. Tuttavia per un’ottima sensazione di scivolamento è decisiva una buona affilatura della lama! Solo con delle lame ben affilate è possibile pattinare su del ghiaccio artificiale sintetico. Con delle lame non affilate non è possibile pattinare sul ghiaccio sintetico!

La lama perde più facilmente l’affilatura sul ghiaccio artificiale sintetico?

Sì, più o meno il doppio più velocemente rispetto al ghiaccio naturale.

È necessaria un’affilatura particolare per i pattini?

No, non è necessaria. Tuttavia è molto importante che le lame siano ben affilate. Le lame arrugginite non sono proprio contemplate.

Si può frenare sull’ICE-FREE come sul ghiaccio tradizionale?

SÌ. Questo è stato addirittura uno dei punti fondamentali nello sviluppo produttivo di ICE-FREE. Permettere di frenare senza liquido di scivolamento è una delle innovazioni speciali dei panelli artificiali ICE-FREE.

Come si comporta il disco sui pannelli ICE-FREE?

Il suo comportamento è quasi come quello su ghiaccio. Proprio come avviene per il pattinaggio, il disco scivola un po’ meno velocemente rispetto al ghiaccio.